martedì 5 agosto 2014

Aspettando Manhattan...

Che Maritoinformatico abbia una vera e propria passione, fotografica e non, per i grattacieli non è un segreto. Il grande sogno resta New York e già stiamo fantasticando a riguardo, ma nell'attesa abbiamo fatto una capatina a vedere lo skyline più newyorchese d'Europa e da Colonia, con un treno ad alta velocità in cinquanta minuti siamo arrivati a Francoforte sul Meno, non per niente soprannominata Mainhattan.

 Ecco il nostro veloce destriero

e mentre lui sfreccia ad alta velocità


c'è chi legge


e chi rimane incantato a guardare fuori dal finestrino

e in un batter d'occhio eccoci a Francoforte.











E con tutti questi grattacieli, vi pare che ce ne stiamo con i piedi per terra? Ma nemmeno per sogno!
Sfidando un vento gelido, saliamo infatti senza indugi sulla Main Tower e ci godiamo la vista della città dall'alto.








Nonostante sia maggio, il freddo e il vento non ci danno tregua e dopo aver divorato un hot dog passeggiando sullo Zeil, vivace viale pedonale lungo più di un chilometro, ci rifugiamo per la pausa caffè in un centro commerciale a dir poco avveniristico.






(ci sono momenti in cui il caffè diventa un salvavita e si merita un primo piano)

Ovviamente Francoforte non è solo modernità e grattacieli: c'è la storica sede della Borsa con l'Orso e il Toro a rappresentare l'andamento dei mercati


e poi il famoso Römerberg, la piazza centrale di Francoforte distrutta durante la seconda guerra mondiali e poi ricostruita.





Una delle attrazioni che ci ha colpito di più e che non avevamo nemmeno in programma di visitare è stata la casa di Johann Wolfgang von Goethe, nato proprio qui a Francoforte nel 1749.








In questo studio, proprio su questo scrittoio, Goethe scrisse i suoi più grandi capolavori.

Non ci rimane molto tempo, oltrepassiamo il fiume per ammirare il famoso skyline 





A coronamento di questa bella giornata, finiamo la nostra visita a Francoforte in birreria con uno stinco e un brindisi con i tifosi dell Eintracht Frankfurt! 


Prost!