mercoledì 4 gennaio 2012

Tempo di Natale

Pigrizia? Mancanza di ispirazione? Sconvolgimento da notizia stratosferica? Non so. Certo è che il blog langue e i post che nascono tra i pensieri poi si perdono per strada. 
E' pur vero che la sottoscritta ha ancora nel cassetto le foto delle vacanze al mare di quest'estate da pubblicare, ma parlare di Natale a febbraio ci sembrava brutto, così l'obiettivo di questi ultimi giorni è stato fare un post prima dell'Epifania. Niente di pretenzioso eh, solo qualche sottolineatura di momenti che vogliamo ricordare, come la visita alla mostra "Pixar - 25 anni di animazione.




Pensavamo che i bambini, soprattutto Rosposecondo, si sarebbero un po' stufati visto che si tratta per lo più di bozzetti e storyboard e invece sono stati entusiasti di vedere il dietro le quinte dei loro film preferiti, riconfermando, qualora ce ne fosse bisogno, che la passione per qualcosa è un motore potentissimo che non conosce ostacoli. 
Degno di nota lo zootropio di Toy Story che ci ha letteralmente lasciati tutti a bocca aperta.


Usciti dalla mostra, due passi in centro con il lusso di non dover fare acquisti dell'ultimo minuto e un bel panzerotto di Luini che Rosposecondo ha definito "la cosa più meravigliosa che abbia mai mangiato" e certo è difficile dargli torto.


La vigilia l'abbiamo passata a fare i biscotti cantando le canzoni natalizie con Bublé e Sinatra, che tanto a Natale non bisogno per forza essere originali, no?




Quest'anno a dire il vero c'era un motivo in più per cantare perchè Babbo Natale ha "regalato" alla sottoscritta la firma del suo primo contratto a tempo indeterminato e la fatica di quest'autunno è stata premiata e non aggiungo altro perchè per scrivere tutto quello che ho in testa ci vorrebbero tre blog!

Da qui in poi tutto secondo copione: Natale dai nonni più lontani, Santo Stefano con i nonni vicini per la prima volta a casa nostra e nel pomeriggio la visita al "nostro" Presepe vivente e ancora Capodanno in collina all'insegna del relax più totale, che aspettare il nuovo anno in pantofole e pile non ha prezzo... 



Tornati a casa stiamo passando giornate tranquille tra un match e l'altro di Ranaprima e Rosposecondo. Al momento possiamo vantare una matita conficcata in una gamba, cinque morsi con tanto di panoramica dell'arcata dentale e innumerevoli sberle...e W lo spirito del Natale!

Nel frattempo Ranaprima ha anche i suoi compiti da fare e così approfittando di una calma che nei periodi lavorativi non c'è, dopo averne viste tante da Sybille, abbiamo fatto la nostra prima "corda del tempo".


Ok, rispetto a quelle di Sybille, definirla elementare è un eufemismo, ma è pur vero che nella preistoria non si può neanche esser troppo raffinati ;)
Comunque l'obiettivo era proporre questa nuova attività che, devo dire, ha riscosso un buon successo. Adesso ci vuole una bella stampante di cui al momento siamo sprovvisti e poi vedremo di migliorarci un po'!