mercoledì 25 maggio 2011

Di papaveri, cavalieri e corteggiamenti

Lo scorso fine settimana, ormai quasi del tutto archiviata l'emergenza "alluce frammentato", siamo finalmente potuti ritornare alla casa in collina per un po' di relax tra il verde.
A dire la verità, appena arrivati, più che dal verde siamo stati accolti dallo spettacolare rosso dei papaveri che punteggiavano i campi di grano. E questa volta è stato Maritoinformatico a voler fare inversione a U per fare un po' di foto.



E poi ancora rosso, con le prime fragole dell'orto.


Certo l'orto richiede la sua manutenzione, ma noi possiamo contare su personale altamente qualificato e volenteroso.




Gli eventi clou del week end sono stati principalmente due:
la riapertura della stagione della pizza nel forno a legna che, bisogna dire, dà sempre delle gran soddisfazioni


e la manifestazione Fornello Medioevale, organizzata proprio nel piccolo borgo che ha dato i natali nientepopodimeno che a Nonno "Vaitranquillo", che non ci ha fatto mancare racconti e aneddoti con quella luce negli occhi che solo il luogo dove hai trascorso l'infanzia ti può dare.


La domenica pomeriggio è cosi trascorsa piacevolmente in compagnia dei "Cuginiamici"


tra campi militari,





falconieri,



combattimenti





e giochi senza tempo.





Sulla strada di casa altra inchiodata a causa di "soggetto altamente fotogenico"


con tanto di danza di corteggiamento in diretta.


Che a noi il National Geographic ci fa un baffo....

sabato 14 maggio 2011

Di mamme, alluci e colline

Quest'anno "Festa della mamma" un po' zoppa, o meglio zoppa era solo la mamma, dal momento che la sottoscritta ha visto bene dieci giorni fa, di rompersi un alluce.



Così, per darsi un tono, per assaporare l'ebbrezza del Pronto Soccorso in collina il sabato sera e vedere l'effetto che fa camminare senza appoggiare le dita del piede a terra per una ventina di giorni.

Tornando a domenica non si può dire che la giornata non sia stata speciale sin dall'alba:
sono stata svegliata alle 6.30 da Ranaprima che sistemava con cura il suo regalino sul mio comodino,


mentre Rosposecondo già dalle tre dormiva pacificamente nel lettone ("Mamma vengo nel vostro letto perchè devo aiutare papà a fare la grigliata!"...mah...). 
Un po' di coccole e alle 7.30 già stavo aprendo anche il regalo del piccolo e i lavoretti fatti a scuola.


Alle 10 siamo andati a messa tutti insieme e siamo poi partiti con una coppia di cari amici per la collina (non la solita però)


dove ci siamo abbuffati di squisitezze in un agriturismo che corteggiavamo già da un po' e che ha pienamente rispettato e forse anche superato le nostre aspettative gastronomiche.


Uscendo ho notato questo quadretto che non ho potuto fare a meno di immortalare e che mi riprometto di tornare a leggere nei periodi di sconforto.


Sulla strada del ritorno ci siamo imbattuti in una piccola pieve che ha fatto riaffiorare in un lampo tutta la passione che ho per l'architettura medievale e ne sa qualcosa San Maritoinformatico che è stato costretto a fare un'inversione a U per farmela vedere da vicino.






Famiglia, amici, buon cibo e un pizzico di Medioevo, più di così per la Festa della Mamma non si può proprio pretendere....alluce a parte s'intende!

(PS: il post in realtà è del 11/05/11, ma causa problemi della piattaforma è stato cancellato, commenti compresi)